ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara ilMoloFerrara

BIRRIFICIO: MC GARGLES - DUBLINO

La città di Kilcock (appena a ovest di Dublino) in Irlanda è stata fondata nel VII secolo nei dintorni di un antico monastero che produceva birra e fino al 1800 ha ospitato ben cinque birrifici e due distillerie. Un luogo storico ed affascinante, perfetto per la produzione di fantastiche birre. Una città in cui iniziano storie uniche e bizzarre, come quella della famiglia McGargles: una famiglia singolare, eccentrica, sicuramente fuori dal comune. C’è chi dice che non siano neanche parenti, tanto sono strambi e diversi tra di loro! Diversi, sì, ma con una grande passione che li accomuna: la birra. Che siano nonne, nipoti, cugine o zii, tutti in famiglia producono la propria tipologia di birra. Ognuna con il suo gusto unico. Ognuna con la sua personalità inimitabile, come gli strampalati membri della famiglia McGargles.

BIRRIFICIO: CHEDDAR ALE BREWERY - INGHILTERRA

Nel Somerset inglese il paese di Cheddar oltre a dare il nome al famoso formaggio ospita anche una gola che attira migliaia di visitatori ogni anno. Se siete da quelle parti, il consiglio è ovviamente di non perdere questa meta; potrete fare una bella camminata nel fondo della gola o sulle sue rocce, arrampicarvi su qualche parete e fare anche un po' di shopping nel ben fornito beershop.Potrete inoltre visitare la Cheddar Ales unmicrobirrificio fondato nel 2006 all'interno della fattoria Winchester, alla periferia del villaggio di Cheddar; i proprietari sono il birraio Jem Ham (ex-bancario ed ex-birraio presso altri birrifici) ed il socio John Magill. L'offerta brassicola comprende otto birre, con assoluta propensione per gli stili tradizionali senza troppe concessioni alle ultime mode esotiche o estremizzanti; tutte le birre in bottiglia sono rifermentate.

BIRRIFICIO: GREENE KING - SUFFOLK

Ubicato a Bury St Edmunds, Greene King è il più grande birrificio del Suffolk ed uno dei maggiori del Regno Unito. Non è tuttavia necessariamente uno dei più “amati”; la sua storia è infatti piena di acquisizioni  di birrifici (e conseguente soppressione di marchi) e catene di pub collegati (e conseguente riduzione dell'offerta di birra per). Tra le più note proteste dei consumatori inglesi ci sono quelle che riguardano il pub Lewes Arms, dell’omonima cittadina del Sussex, acquistato nel 1998 da Greene King; da oltre 200 anni l’80% della birra bevuta al Lewes Arms era il Sussex Best Bitter di Harveys, e la decisione di Greene King di toglierla dal menu sollevò una piccola rivolta popolare. Nonostante Greene King rivendichi in etichetta una data di fondazione del 1799, in un articolo della CAMRA (che non ama troppo Greene King)  rivela come l’effettiva nascita del birrificio avviene nel giugno del 1887, dalla fusione tra la St. Edmunds Brewery  e la Westgate Brewery, quest’ultima già di proprietà di Benjamin Greene and William Buck. Tra le successive acquisizioni più note, ci sono la   F.C.Christmas & Co. di Haverhill ed i  49 pub controllati (1918), la Wells & Winch  di Biggleswade (1961 e produzione chiusa nel 1997);  la Morland di Abingdon con i suoi  400 pub (1999), della quale sopravvivono oggi solo i marchi Hen’s Tooth, Old Speckled Hen, Tanner’s Jack e Moreland’s Original, prodotti da Greene King.  Nel 2005 è il turno della  Ridley's Brewery di Hartford End (70 pub controllati), acquistata e poi chiusa; alla fine dello stesso anno, per 187 milioni di sterline, arriva anche la Belhaven, il maggior produttore scozzese con 282 pub al seguito e la birra più bevuta in Scozia, la Belhaven Best.  Stranamente, la produzione continua tutt’ora nei vecchi impianti di Dunbar. A fine 2006 si aggiunge la Kimberly Brewery (Hardys & Hansons) di Nottingham, 180 pubs al seguito ed un deja-vu:  sito produttivo chiuso, sopravvivenza di qualche marchio che viene ora prodotto a Bury. Tra le tante polemiche c’è  da ricordare l’accusa di “vandalismo culturale” rivolta a Greene King per aver rimosso da una serie di pub acquistati duecento cartelli “storici e centenari” che raffiguravano il nome del pub stesso. Le statistiche dicono che oggi il 65% della produzione Greene King  avviene in cask; la Greene King IPA è stata per molti anni la birra in cask più venduta nel Regno Unito, fino al sorpasso (dato 2013) subito dalla Doom Bar di Sharp: 133 mila barili (o 9,6 milioni di pinte) contro 127.  Notizia dello scorso gennaio è l’annuncio dell’apertura di un nuovo birrificio, dedicato alla cosiddetta “craft beer”, un settore in rapida crescita in Inghilterra che sta evidentemente attirando anche i pesci più grossi. Con un investimento di 750.000 sterline, viene inaugurato un piccolo birrificio a Bury St Edmunds, con lo slogan del committed to craft. L'idea è quella di produrre delle birre stagionali, in piccoli lotti da 15/30 ettolitri; sono tecnicamente possibili sei cotte al giorno, da commercializzare poi nel formato da 33 centilitri che è quello adottato dalla maggior parte della new-wave di microbirrifici inglesi. Sono sei le birre prodotte dal birraio John Bexon e dal suo aiutante Chris Waters, ognuna disponibile per due mesi l'anno: si parte con una Double IPA, per passare ad American Pale Ale e Golden Ales, tutte del profilo dichiaratamente "molto" luppolato.

BIRRIFICIO: CROMARTY BREWERY CO. - SCOZIA

Il Cromarty Brewing Co è un'azienda a conduzione familiare composta da Craig, Chap e Jenni Middleton(padre e madre di Craig). Craig è un fanatico della birra, ha studiato la scienza del brewing presso la Heriot Watt University ad Edimburgo. Dopo aver terminato gli studi (1st class degree), per acquisire esperienza preziosa ha svolto dei periodi lavorativi prima in Scozia a “Cairngorm Brewery” a Aviemore a poche miglia da Cromarty. poi si è trasferito negli Stati Uniti in Colorado presso “Odell Brewing”. E 'stato durante questo periodo che ha maturato l’idea di aprire un suo birrifiio. Ha fatto domanda per borse di studio, ha ottenuto alcuni finanziamenti bancari. Nella primavera del 2011 è iniziata la costruzione di Cromarty Brewing Co. tutto l’impianto di produzione e stato preso ed installato da “Bavarian Brewery Technologies”. Il 19 dicembre 2011 in tempo per le vacanze di Natale sono in commercio i primi fusti di Cromarty.

BIRRIFICIO: CLANCONNEL BREWING COMPANY - IRLANDA DEL NORD

Clanconnell Brewing Company è una piccolo, dinamico e innovativo microbirrificio impegnato a produrre birra in modo naturale e di alta qualità. Fondato nel giugno 2008 da Mark Pearson, con il desiderio di creare una scelta più ampia e alternative alla massa di birre prodotte nel mercato interno. Basato a Waringstown nella campagna a sud ovest di Belfast, ha riportato in vita un'abilità vecchia di oltre 180 anni; una volta diffusa nel paese combinando i vecchi metodi  tradizionali artigianali con colpi di scena di modernità. L'azienda ha ricevuto un notevole impulso quattro anni fa, quando la McGrath’s Irish Black Stout è stata dichiarata 'Champion Beer' al Beer Festival di Belfast. Il nome del Brewery rafforza il legame con la tradizione; le antiche terre di questa parte del Co Down sono state chiamate Clanconnell, dal nome Conaill, che era figlio di Caolbadh, un re dell'Ulster.